La Piccionaia S.C.S. – info@piccionaia.it - Sede legale Piazza Insurrezione 10 – 35139 Padova | Sede operativa Stradella Piancoli 6 – 36100 Vicenza - P.I. 00345390249 - REA: PD–442747 - Cap. Soc. € 42.669,24

Il Mercante di Venezia raccontato dai comici

TeatroImmagine

La Città a Teatro

da William Shakespeare
testo di Pino Costalunga
con Roberto Zamengo, Claudia Leonardi, Ruggero Fiorese, Daniele Baron Toaldo, Moira Mion
Danze Donata Brunello
Costumi Antonia Munaretti
Maschere Stefano Perocco
Musiche e Canzoni originali Paolo Coin
Luci Lorenzo Riello e Paolo Scortegagna
Scenografie ideate da Roberto Zamengo Realizzate da Palcobase
Decorazioni ed oggettistica Martino Munarini
Grafica Chiara Andreetta

Su di un palcoscenico, dei Commedianti dell’Arte di una compagnia di terz’ordine, vogliono intrattenere il pubblico raccontando una storia lugubre e strana: quella dell’usuraio Shylock che pretende una libbra della carne dell’odiato Antonio, come interesse per una somma prestata.
È il “Mercante di Venezia” shakespeariano, che si avvale delle maschere della tradizione italiana per narrare, divertendo, l’imbroglio, la menzogna e la perversione dei rapporti basati solo sul valore del danaro…

Una storia antica che riesce a parlare ancora e forse più fortemente a noi uomini di oggi.
In questo nostro “Mercante”, protagonisti, come detto, sono la Maschera, che rappresenta l’ambiguità e la bugia ed il Palcoscenico, quale spazio dell’azione, come la vita è il teatro dell’umana finzione. Tutto l’intreccio delle relazioni tra questi Comici è basato su di un rapporto di dare ed avere, sull’uso della maschera per rubare “umanità”, rendendo così credibile la menzogna.
E se il pubblico si divertirà a questo spettacolo e riderà di quello che sulla scena sta succedendo, sappia che sta ridendo amaramente di se stesso…