Il diario di Sofia

Gommalacca Teatro

Narrazione sensoriale interattiva per bambine e bambini +6 anni

Ven 12 Luglio 2024, 20:30
Sab 13 Luglio 2024, 10:30
Info

tratto da “La nave degli incanti” di Riccardo Spagnulo
produzione Gommalacca Teatro
con Carlotta Vitale
direzione creativa e ri-adattamento testi Andrea Ciommiento
organizzazione generale Mimmo Conte
promozione Donatella Romaniello
direzione di scena e tecnica Vincenzo Pacilio

L’evento è realizzato nell’ambito del progetto Take s STEP – Sustainable Territories & European Participation, co-finanziato dall’Unione Europea attraverso il bando Citizens’ voice: how to get engaged on EU values and policies promosso da ALDA – Associazione Europea per la Democrazia Locale e realizzato da La Piccionaia, LIES Laboratorio dell’Inchiesta Economica e Sociale, VeZ Veneto Ecologia Z Generation, Comunità Vicentina per l’Agroecologia, Laboratorio Spazi Rurali e Boschi Urbani, Assemblea Cascina Carpaneda Bene Comune

La storia della Nave degli Incanti è stata scritta, in co-creazione, da Riccardo Spagnulo insieme a circa 200 cittadini lucani, tra il 2018 e il 2019, nel corso di vari laboratori intergenerazionali e appartenenti a cinque comunità: Potenza, Albano di Lucania, Calciano-Oliveto Lucano-Garaguso, Ferrandina e Matera.

La drammaturgia originale, affonda le sue radici nella materia emersa dalla ricerca-azione condotta nelle comunità lucane nel corso del 2017, ed ha rivelato un patrimonio culturale popolare contemporaneo, generando la nascita di vari personaggi fantastici – il pesce bambino Milo, l’Incantatrice delle rocce, l’Alchimista, la Cicogna Nera, Madre Luce, il Signore Oscuro – e uno spettacolo ad episodi in cinque tappe, capaci di sospingere il viaggio della Nave degli Incanti, una imponente nave viaggiante su ruote, ideata e co-prodotta da Gommalacca Teatro nel progetto “Aware” selezionato e coprodotto da Fondazione Matera 2019.

Nell’estate del 2021 a distanza di due anni in una serie di azioni di focus e creazione drammaturgica, siamo ritornati a raccontare la storia della piccola protagonista Sofia proprio nel borgo della Martella a Matera, l’ultima tappa della Nave nel mese di luglio del 2019.

Quello che abbiamo trovato sono le pagine di un diario, alcuni pezzi della nave sconquassata dalla tempesta e gli abitanti della nave che si sono separati e poi riuniti, poiché nessuno si salva da solo, e ancora una Cicogna nera che ha perso il suo stormo ed è in cerca di cibo, le radici dell’Albero del Sole da piantare, il grano in cui affondare le mani per scoprire come coltivare le cose vere e infine, una foto d’infanzia che ricorda a Sofia il valore di una grande amicizia. Il diario di Sofia si è delineato quindi attraverso un percorso condiviso con le bambine e i bambini della storia originaria.

In questa nuova veste lo spettacolo racconta alcuni personaggi della storia originale attraverso il punto di vista dei bambini e delle bambine invitate a partecipare non solo tramite l’ascolto ma anche con l’esperienza diretta e attiva. L’uso di materiali come tempere, corde in juta, veli-seta, vasche di grano e bottiglie di vetro colorato, promuovono una esperienza narrativa tattile volta alla riscoperta non solo di una storia ma di un luogo, attraverso azioni creative che fanno avanzare il Pubblico all’interno di un ambiente ricreato. A tale fine lo spettacolo può vedere la sua realizzazione in luoghi al chiuso e all’aperto con diversi spazi allestiti e dedicati a ogni capitolo. Il diario di Sofia è il primo di una serie di allestimenti che la compagnia produrrà nel prossimo triennio affrontando la storia originaria con linguaggi e metodologie sempre nuove.

Quale valore ha in questa epoca, zeppa di sfide sociali e ambientali ad attenderci, raccontare la storia di Sofia? In quale modo abbiamo pensato di riattivare il viaggio di una bambina e la storia delle sue scoperte, dopo la tempesta planetaria che ci ha travolti?

La storia di Sofia una piccola bambina, l’unica sveglia in una città addormentata, ha ripreso vita grazie ai focus laboratoriali, con gruppi di giovanissimi partecipanti sui personaggi e le vicende della storia originaria.

Nei laboratori si ha l’occasione di approcciare temi introdotti dall’insegnamento dell’educazione civica con la legge 92/2019, in linea con alcuni nuclei tematici predominanti: sviluppo sostenibile, educazione ambientale, conoscenza e tutela del patrimonio ambientale.

Take a STEP - Sustainable Territories & European Participation