La Piccionaia S.C.S. – info@piccionaia.it - Sede legale Piazza Insurrezione 10 – 35139 Padova | Sede operativa Stradella Piancoli 6 – 36100 Vicenza - P.I. 00345390249 - REA: PD–442747 - Cap. Soc. € 42.669,24

Il colloquio

vincitore Premio Scenario Periferie 2019

Collettivo Lunazione

Prenota

progetto e regia Eduardo Di Pietro
con Renato Bisogni, Alessandro Errico, Marco Montecatino
aiuto regia Cecilia Lupoli
costumi Federica Del Gaudio

Nella liminalità di un’attesa che è condivisione di un tempo sospeso, tre donne si contendono un territorio ristretto, dove i legami spezzati dal carcere si riflettono inesorabilmente in una reclusione altra, introiettata eppure reale. Fra legami negati e solidarietà imposta, Il colloquio è la fotografia spiazzata e spiazzante di un’antropologia indagata nelle sue ragioni sociali e culturali profonde e apparentemente immodificabili, dove il femminile è restituzione di un maschile assente e quindi fatto proprio, con efficace scelta registica, da tre attori capaci di aggiungere poesia all’inesorabilità di storie già scritte e aprire spiragli onirici imprevisti.
Il colloquio è un lavoro ispirato al sistema di ammissione ai colloqui periodici presso il carcere di Poggioreale, Napoli. Tre donne, tra tanti altri in coda, attendono l’inizio degli incontri con i detenuti: in maniera differente desiderano l’accesso al luogo che per ognuna custodisce un legame. Dai loro scontri e avvicinamenti, dalla sospensione onirica della situazione, emerge la visione brutale di una realtà ribaltata.
La galera si rivela un riferimento quasi naturale, oggetto intermittente di desiderio e, paradossalmente, sede di libertà surrogata. La reclusione viene condivisa all’esterno dai condannati e per le tre donne coincide con la stessa esistenza: i ruoli maschili si sovrappongono alle vite di ciascuna, ripercuotendosi su corpo, comportamenti, attività, psiche.
Nella loro realtà, la detenzione è una fatalità vicina – come la morte – che deturpa l’animo di chi resta.
Il collettivo lunAzione è nato a Napoli nel 2014 e sviluppa il proprio lavoro in tre direzioni: la produzione teatrale originale, i progetti per le scuole e performance site generic. Il primo spettacolo del gruppo, una riscrittura di Troilo e Cressida di William Shakespeare, va in scena per vari festival e rassegne nazionali (rientra nella selezione del Festival Shakespeare 2016 di Buenos Aires). Nel 2015 Jamais vu debutta per la sezione Fringe del Napoli Teatro Festival Italia. Nel 2017 AVE è semifinalista al Premio Scenario, selezione ufficiale al San Diego International Fringe Festival 2019. Nell’estate 2018 la compagnia dirige gli spettacoli serali del Parco Archeologico di Ercolano, nel 2019 è finalista al concorso I Teatri del Sacro.
lunAzione è altresì vincitore del bando Funder35 come giovane impresa culturale.