La Piccionaia S.C.S. – info@piccionaia.it - Sede legale Piazza Insurrezione 10 – 35139 Padova | Sede operativa Stradella Piancoli 6 – 36100 Vicenza - P.I. 00345390249 - REA: PD–442747 - Cap. Soc. € 42.669,24

X

incontro con l'autrice Valentina Mira

Fandango Editore

"X è un romanzo e una lettera."

Valentina scrive al fratello con cui non parla da anni per raccontargli quello che ne è stato di lei e soprattutto quello che non ha avuto il coraggio di dirgli in passato.

Torna all’estate del 2010, l’estate della sua maturità. C’è una festa, alcol e nelle casse la musica degli ZetaZeroAlfa, band di riferimento di CasaPound.

La musica l’ha messa G., amico di tutti lì, anche di Valentina, ottimo studente della scuola cattolica nonostante la celtica al collo (è pur sempre una croce, del resto, e in quell’ambiente non è grave quanto un orecchino indossato da un ragazzo).

G. quella notte diventa uno stupratore. Uno stupratore normale in un quartiere normale di un paese normale: nessun mostro, nessuna martire, nessun livido, solo un po’ di sangue sul letto. Valentina non lo denuncerà mai.

Esattamente come il novanta per cento delle donne che sono state violentate, quel danno resta taciuto per anni. Con un’unica eccezione, un solo confidente, suo fratello che tuttavia non le crede. Al contrario, si allontana da lei e rimane amico di G., lo stupratore.

Dopo quasi dieci anni Valentina decide di riprendersi la propria storia, di spezzare l’omertà e ribaltare la vergogna, dalla violentata al violentatore, restituendola a lui. È questo che ci racconta Valentina Mira in X: il tabù e lo stigma che accompagnano lo stupro, la violenza che porta a sentire il proprio corpo come estraneo.

La necessità di una reazione. Scrive un canto di Natale per il fratello che non le ha creduto, lo porta indietro con sé in quella festa di molti anni prima, e poi nel presente in cui nulla funziona perché la violenza è sistemica e non una sfortunata eccezione, infine in un futuro che vede nel diritto a difendersi e ad aggredire l’unica via.

Un romanzo di una forza e di una franchezza senza precedenti in cui la potenza letteraria e di racconto lascia disarmati.

a teatro in sicurezza

  • Saranno rispettate le norme per la prevenzione del Covid-19. 
  • Per vivere al meglio l’esperienza, ti ricordiamo queste semplici regole:
  • indossa sempre e correttamente la mascherina, anche quando sarai seduto al posto. Sono ammesse solo le mascherine chirurgiche o superiori, non le mascherine di comunità
  • igienizza le mani al tuo ingresso e, per esempio, se vai al bagno: troverai in ogni locale il gel igienizzante a disposizione
  • all’ingresso ti misureremo la temperatura, che dovrà essere inferiore a 37,5 gradi. In ogni caso, se hai sintomi di raffreddamento, non venire a Teatro
  • in ogni momento della tua permanenza negli spazi degli eventi, mantieni il metro di distanza dalle altre persone
  • non mangiare o bere durante gli spettacoli: questa regola è sempre stata valida durante le nostre rappresentazioni teatrali, ma ora è anche vietato esplicitamente da DPCM
  • non spostarti dal posto che ti verrà assegnato e non spostare le sedie che sono già distanziate nel giusto modo
  • all’ingresso del parco troverai il nostro Covid Desk, dove ti chiederemo i nomi e i contatti dei presenti per verificare che corrispondano alla prenotazione effettuata. Li conserveremo per 14 giorni, a garanzia di tutti.